Apnea notturna - noson

Apnea notturna

Gestione del russare

Sommario

Apnea notturna

Quali sono le cause del russare?

Il russare è un forte rumore che si verifica durante il sonno. Il russare sorge a causa degli effetti vorticosi dell'aria mentre fluisce attraverso il tratto respiratorio superiore. Di solito è causato da un'ostruzione temporanea in vari punti delle vie aeree (1-3). Durante il russare, l'aria che fluisce attraverso la parte posteriore della gola e la fa vibrare emette un forte rumore. Il flusso d'aria alla fine porta alla generazione di vibrazioni nella gola. L'inquinamento atmosferico può verificarsi in diversi punti della gola e varia da persona a persona. Poche persone sono affette dal palato, mentre la causa è solitamente nasofaringea o ipofaringea.

Il russare è spesso osservato negli uomini, ma può verificarsi anche nelle donne. Si dice che il russare colpisca 37 milioni di persone all'anno. È stato scoperto che il russare abituale si verifica generalmente nelle famiglie. Nessuno dovrebbe sentirsi in dovere di affrontare questo fastidioso problema per tutta la vita.

Il russare è un tipo di disturbo del sonno e talvolta influisce sulla qualità del nostro sonno a tal punto che le funzioni naturali del corpo sono compromesse e la nostra produttività soffre. Anche se non è una malattia grave, il russare può essere correlato a un problema di fondo e quindi manifestarsi come sintomo di una malattia di base.

Quali sono le cause dell'apnea notturna?

Se una persona soffre di sintomi come stanchezza diurna, irrequietezza, stanchezza, depressione, mancanza di energia, dispnea e sensazione di soffocamento, ciò indica una grave forma di disturbi del sonno nota come apnea notturna. È una situazione molto seria e grave che dovrebbe essere trattata immediatamente, altrimenti può portare a conseguenze potenzialmente letali.

L'apnea notturna è causata quando la respirazione di una persona è compromessa e non funziona normalmente durante il sonno. È caratterizzato dall'interruzione e dall'arresto della respirazione durante il sonno. Gli effetti sono così gravi che la respirazione può fermarsi centinaia di volte. Ciò riguarda l'intero sistema corporeo, incluso il cervello e altre parti del corpo che non ricevono abbastanza ossigeno per la normale funzionalità.

Esistono tre tipi di apnea notturna:

  1. Apnea ostruttiva del sonno (OSA)
  2. Central Sleep Apnea (CSA)
  3. Sindrome da apnea nel sonno complessa (CSAS)
Informazioni sul naso
  1. Apnea ostruttiva del sonno (OSA):

Questo tipo di apnea notturna è comune nella popolazione generale. Si parla di apnea ostruttiva del sonno se le vie aeree sono bloccate durante il sonno a causa del collasso dei tessuti molli nella parte posteriore della gola (4).

È una condizione cronica che ostacola il normale processo di respirazione durante il sonno. L'OSA può interessare tutte le età, ma è più comune nelle persone di mezza età e negli anziani (5). In questa malattia, la respirazione viene temporaneamente fermata o ridotta durante il sonno (6-9) e provoca apnea o ipopnea nel paziente. Questa deviazione dalla normale respirazione è causata quando c'è un'ostruzione delle vie aeree che colpisce ripetutamente le vie aeree in modo che si restringa drasticamente (8, 10-12). Poiché la persona interessata non è in grado di dormire correttamente, ci sono molti disturbi respiratori che li svegliano o addirittura impediscono il sonno riposante o profondo nei casi più gravi. Le conseguenze sono stanchezza diurna, stanchezza, sbalzi d'umore e sonnolenza, che spesso si verificano in questi casi (7,10). Gli studi hanno dimostrato che i fumatori sono ad aumentato rischio di sviluppare apnea notturna (13).

  1. Apnea centrale del sonno:

 

L'apnea centrale del sonno è meno comune dell'OSA. In questo caso, le vie aeree non sono bloccate, ma il cervello non dirige i segnali nervosi verso i muscoli responsabili della respirazione. Ciò accade quando il centro di controllo della respirazione non funziona correttamente. Quindi il processo di respirazione è compromesso. Il meccanismo di feedback, necessario per un processo respiratorio funzionante, è disturbato (14, 15, 16). L'apnea centrale del sonno (CSA) è anche nota come sindrome dell'apnea centrale del sonno (CSAS). Con questo disturbo, la respirazione può essere ridotta o temporaneamente sospesa per 10-30 secondi, sia sporadicamente che continuamente. Questa interruzione porta a una ridotta saturazione di ossigeno nel sangue (17). La cosiddetta malformazione di Arnold Chiari è generalmente associata a questa malattia (18). 

  1. Sindrome da apnea notturna complessa

Si presume che i segni e i sintomi dell'apnea ostruttiva del sonno e dell'apnea centrale del sonno siano combinati. La sindrome è anche nota come apnea centrale del sonno che richiede un trattamento.

Questo particolare tipo di apnea è stato studiato per ottenere risultati relativi all'eziologia e alla fisiopatologia. Gli studi hanno dimostrato che questo tipo di disturbo respiratorio si verifica quando l'ostruzione è stata rimossa dalla terapia PAP, ma l'apnea centrale persiste. La diagnosi corretta basata su un approccio basato sull'evidenza è ancora oggetto di ricerca perché richiede un gruppo speciale di persone in cui l'apnea centrale non diminuisce anche dopo il trattamento cronico con CPAP. Pertanto, ci sono una varietà di termini in questo contesto, come respirazione periodica correlata alla CPAP (19) e CSA correlata alla CPAP (20, 21) o CSA durante il trattamento CPAP (22).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
cinguettio
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
smalto
Condividi su print
Stampa
Diagramma di flusso isometrico addormentato

distribuzione

I dati sulla diffusione dell'apnea notturna hanno chiarito che di solito colpisce da 2 a 14% della popolazione esaminata. Può variare da 20% a 90% per le persone in cerca di cure mediche e che partecipano a studi sul sonno. Gli uomini hanno tre volte più probabilità di sviluppare OSA rispetto alle donne. Le persone obese e le donne in postmenopausa sono spesso colpite. L'entità osservata degli effetti è simile nelle donne e negli uomini in postmenopausa, tenendo conto del loro indice di massa corporea e della loro età (10, 14, 15). Con l'aumentare dell'età, aumenta anche la diffusione dell'OSA. Gli studi hanno dimostrato che tassi di obesità più elevati e un numero maggiore di persone anziane portano ad un aumento del tasso di OSA (1,2,8,10).

vie aeree

Quali sono le conseguenze di un blocco parziale delle vie aeree?

Bloccando le vie aeree, una persona non è più in grado di rilasciare una quantità sufficiente di ossigeno nei polmoni. Ciò porta ad una diminuzione del livello di ossigeno nel sangue e, al contrario, ad un aumento del livello di anidride carbonica, che è un sottoprodotto del normale metabolismo. Se questo continua per alcuni minuti, lo scenario peggiore potrebbe essere la morte di una persona. Tuttavia, le difficoltà respiratorie non si verificano continuamente all'OSA. Durante il ripetuto ciclo di irregolarità, il cervello si sveglia e riprende il normale processo di respirazione. Questo fenomeno può richiedere da pochi secondi a un minuto. La persona è quindi in grado di respirare, ma le vie aeree sono ancora ridotte. Le strutture e i tessuti circostanti vibrano attorno alle vie aeree ristrette. Percepiamo questo processo come russare. Russare significa che le vie aeree sono bloccate o bloccate, ma non significa che la respirazione abbia luogo; Il silenzio può anche significare che le vie aeree sono completamente bloccate (8).

Quali sono le cause dell'apnea notturna?

Apnea ostruttiva del sonno

Questo tipo di apnea è causato dal rilassamento dei muscoli della parte posteriore della gola. Questi muscoli sono molto importanti perché danno forza e sostegno al palato molle, alla supposta (un pezzo di tessuto triangolare che pende dal palato molle superiore), alle pareti della gola e della lingua e alle tonsille.

Quando i muscoli raggiungono uno stato di rilassamento, le vie aeree si restringono e continuano a chiudersi man mano che la respirazione avanza. Questa costrizione porta a una fornitura d'aria insufficiente, che provoca una diminuzione del contenuto di ossigeno nel sangue e quindi colpisce tutti gli organi. Poiché il cervello non riceve la quantità necessaria di ossigeno per funzionare correttamente, viene attivato un meccanismo di feedback che ti avverte e ti sveglia durante il sonno in modo che le vie aeree possano riaprirsi. Poiché il meccanismo funziona in pochi secondi, di solito non ricordi di esserti svegliato nel sonno.

Le conseguenze possono includere russare, respirare o ansimare per il respiro. Poiché il contenuto di ossigeno deve essere mantenuto, questo ciclo può essere ripetuto da cinque a trenta volte. Nello stato cronico, questo ciclo può espandersi ulteriormente e interrompere lo stato di sonno normalmente profondo e calmo per tutta la notte (11).

Apnea centrale del sonno

Questo tipo di apnea è piuttosto raro. Si verifica quando i muscoli respiratori non ricevono abbastanza segnali. Questo a sua volta significa che il cervello non riceve segnali per un breve periodo e quindi non può aver luogo la respirazione. A causa dell'impedimento alla respirazione, può succedere che ti svegli completamente senza fiato nel bel mezzo del sonno o che tu soffra di disturbi del sonno che ti tengono sveglio (15).

Chi è a rischio di russare e apnea notturna?

Esistono vari fattori di rischio per l'apnea notturna che possono interessare tutti i sessi e tutte le fasce d'età, anche i bambini. Ecco un elenco di fattori che aumentano il rischio di malattia.

I fattori di rischio per l'apnea ostruttiva del sonno (23-25) includono:

  1. Obesità

Un aumento di peso eccessivo può influire sul normale processo di respirazione. Se il grasso si accumula attorno al tratto respiratorio superiore, viene ostruito. Ciò può provocare apnea notturna.

  1. Costipazione nasale

In caso di problemi anatomici o allergie, respirare attraverso il naso può essere difficile. Questa insufficiente fornitura d'aria porta ad un aumentato rischio di sviluppare apnea notturna.

  1. Circonferenza del collo

Gli studi hanno dimostrato che le persone con un collo più spesso hanno vie aeree più strette rispetto alle persone con un collo più stretto. È probabile che si sviluppi l'apnea notturna.

  1. Il genere maschile

In generale, gli uomini sono più spesso (due o tre volte più probabili) colpiti dall'apnea notturna rispetto alle donne. Tuttavia, le donne obese corrono un aumentato rischio di apnea notturna a causa del restringimento delle vie aeree.

  1. Vie aeree strette

A causa della loro composizione genetica, alcune persone hanno una gola più stretta. Nei bambini, le tonsille e i polipi sono talvolta ingranditi in modo da bloccare le vie aeree. Ciò aumenta anche il rischio di apnea notturna.

  1. Anziani

L'apnea notturna colpisce la popolazione più anziana rispetto ai giovani

  1. Storia famigliare

A causa dell'eredità familiare, la probabilità di sviluppare apnea notturna può essere maggiore, poiché la predisposizione genetica è aumentata.

  1. Fumo

Il fumo aumenta il rischio di apnea ostruttiva del sonno di un fattore tre rispetto alle persone che non hanno mai fumato. Poiché il fumo provoca infiammazione e aumenta l'accumulo di liquidi nel tratto respiratorio superiore, può svilupparsi apnea notturna.

  1. Consumo di alcool

L'alcol rilassa i muscoli e restringe così le vie respiratorie, creando le condizioni per l'apnea ostruttiva del sonno.

Fattori di rischio per l'apnea centrale del sonno (15.17) appartenere:

  1. Alta età

Il gruppo di anziani e di mezza età è più colpito rispetto ai giovani.

  1. Il genere maschile

Gli uomini hanno un aumentato rischio di sviluppare apnea nel sonno centrale rispetto alle donne.

  1. Cardiopatia congestizia

Le persone con problemi cardiaci congestivi hanno maggiori probabilità di sviluppare apnea nel sonno centrale rispetto alle persone sane.

  1. Pazienti con ictus

Le persone che hanno avuto un ictus in passato sono ad aumentato rischio di apnea centrale del sonno.

  1. Farmaci antidolorifici

Gli antidolorifici narcotici come il metadone, che influenzano i segnali cerebrali, aumentano il rischio di apnea nel sonno centrale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
cinguettio
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
smalto
Condividi su print
Stampa

Il rischio di apnea ostruttiva del sonno può essere valutato utilizzando il Questionario STOP bang che tenga conto di quanto segue (26):

Questionario STOP Bang

Rispondi alle seguenti domande selezionando "Sì" o "No" per ogni domanda

 NO
Russare (Russi rumorosamente?)
Stanchezza (spesso sentirsi stanchi durante il giorno,
esausto o assonnato?)
Apnea osservata (Qualcuno ha guardato
che smetti di respirare mentre dormi,
sussulto o sussulto?)
Ipertensione (ha la pressione alta
o è in trattamento per la pressione alta?)
BMI (il tuo indice di massa corporea è superiore a 35 kg per m2?)
Età (hai più di 50 anni?)
Circonferenza del collo (la circonferenza del collo è maggiore di 40 cm [15,75 pollici]?)
Sesso (sei un maschio?)
   
(1 punto per ogni risposta positiva)  
(Valutazione: da 0 a 2 = rischio basso, 3 o 4 = rischio medio, ≥ 5 = rischio elevato)  

Quali sono le conseguenze negative dell'apnea notturna?

L'apnea notturna è una condizione che può diventare grave e persino pericolosa per la vita se non trattata in tempo. Può avere un impatto negativo sulla tua vita e influire sulla qualità della vita in vari modi (24, 25, 27, 28):

effetti negativi dell'apnea notturna
  1. Stanchezza durante il giorno

A causa delle continue interruzioni, non si raggiunge mai uno stato di sonno permanente o profondo, si verificano stanchezza diurna, esaurimento, sbalzi d'umore e irritabilità. Inoltre, è esclusa una quantità sufficiente di sonno, il che significa che la persona interessata svolge le proprie attività e attività lentamente e lentamente. Le persone possono addormentarsi mentre si guarda la TV e in ufficio, nel peggiore dei casi, anche durante la guida. Questo può portare a gravi incidenti che sono spesso causati dalla sofferenza individuale con OSA.

Il sonno svolge un ruolo vitale nel mantenimento di uno stato di allerta e felice. Le persone affette da apnea notturna tendono a diventare depresse, irrequiete e lunatiche. Sia i bambini che gli adolescenti possono avere problemi comportamentali e comportarsi male nel campo accademico.

  1. Rischio di sviluppare diabete di tipo 2

Vari studi sull'apnea notturna hanno dimostrato di aumentare il rischio di diabete di tipo 2 e insulino-resistenza.

  1. Ipertensione e problemi cardiaci

Poiché il livello di ossigeno nel sangue scende a causa dell'apnea notturna, il cervello e altri importanti organi del corpo non sono adeguatamente forniti di ossigeno. Questo calo di ossigeno porta ad un aumento della pressione sanguigna e influisce sul funzionamento del sistema cardiovascolare. In questo modo, l'OSA aumenta la probabilità di ipertensione.

Vari problemi cardiaci sono anche direttamente correlati alla gravità dell'OSA. Il rischio di ictus, infarto e fibrillazione atriale è aumentato nei pazienti con OSA. Poiché i livelli di ossigeno nel sangue fluttuano durante episodi ricorrenti di respiro corto a causa dell'OSA, nel peggiore dei casi ciò può portare a morte improvvisa perché il cuore non è in grado di supportare adeguatamente il flusso sanguigno.

  1. Problemi al fegato

L'apnea notturna influisce anche sulla funzionalità epatica. Gli studi hanno dimostrato che i test di funzionalità epatica mostrano risultati anormali (deviazioni dall'intervallo normale) e che i pazienti con OSA mostrano segni di cicatrici (malattia del fegato grasso non alcolica).

  1. Sindrome metabolica

Diversi tipi di disturbi metabolici, che di solito si basano su una combinazione di ipertensione, colesterolo alto e alti livelli di zucchero, sono associati ad un aumentato rischio di apnea ostruttiva del sonno.

  1. Complicanze dalla chirurgia

Se è necessario un intervento chirurgico o la prescrizione di farmaci sui pazienti con OSA, è necessario prendere preventivamente un'anamnesi corretta e adottare misure preventive. Poiché durante il sonno sono presenti difficoltà respiratorie, la sedazione deve essere eseguita tenendo conto di tutti i fattori.

  1. Partner che soffrono di privazione del sonno

Russare mentre dormi non influisce solo sul tuo, ma anche sul sonno del tuo partner. Preferiscono dormire in stanze separate o addirittura spostarsi su un altro piano per non essere disturbati durante il sonno. Ciò può danneggiare seriamente le relazioni poiché l'OSA è una condizione a lungo termine che dovrebbe essere sempre trattata. In questo modo, si evitano inutili tensioni e sbalzi d'umore nel proprio partner.

Quali sono i modi per testare l'apnea notturna?

Sulla base dei segni e dei sintomi, il medico può valutare le tue abitudini di sonno e la tua storia. Puoi ottenere queste informazioni dal tuo partner o dalle persone che vivono con te.

Dopo un esame approfondito, il medico può consigliare di andare in un centro per i disturbi del sonno. Lì, uno specialista del sonno valuterà i dettagli rilevanti riguardanti la causa dell'apnea notturna e, dopo aver consultato te, pianificherà il trattamento. Nel centro del sonno, il sonno e altre funzioni correlate vengono monitorati durante la notte durante il sonno. Opzionalmente, puoi suggerire una valutazione della respirazione attraverso il monitoraggio del sonno a casa.

Esistono tre tipi di test di apnea notturna (6,8,10):

test per l'apnea notturna
  1. Test del sonno a casa

Questo tipo di test viene eseguito comodamente da casa. Il medico suggerisce un semplice test che può essere facilmente eseguito a casa e generalmente valuta i seguenti parametri: ritmo e misurazione della frequenza cardiaca, livelli di ossigeno nel sangue, flusso d'aria e consistenza respiratoria (regolare o irregolare).

  1. La polisonnografia

Questo è un test comune per valutare la gravità dell'OSA. Questo metodo può essere utilizzato per determinare vari parametri come la capacità polmonare, la funzione cerebrale, la frequenza cardiaca, il modello di respirazione, il movimento delle braccia e delle gambe e il contenuto di ossigeno nel sangue durante il sonno. È considerato il "gold standard" per la diagnosi dell'apnea notturna. Con questo metodo, vari segnali elettronici vengono trasmessi e registrati contemporaneamente. Generalmente viene eseguito in un laboratorio del sonno e monitorato da un tecnico. Studi sul sonno in pazienti con OSA hanno dimostrato che continuano a manifestare episodi di difficoltà respiratorie o interruzioni, anche se cercano di continuare a respirare.

Se viene diagnosticata l'apnea notturna, il medico può immediatamente impostare un piano di trattamento e iniziare la terapia a seconda dei segni e dei sintomi. Anche se i risultati vengono mostrati normalmente, il medico può raccomandare di eseguire un secondo test polisonnografico per confermare i risultati del test e raccomandare la migliore terapia.

Puoi anche essere indirizzato a un medico ORL per escludere un blocco nell'area ORL. Nel caso di un problema di apnea centrale del sonno, a volte è necessaria una diagnosi da un cardiologo o neurologo per determinare il problema di fondo.

La polisonnografia ha il seguente vantaggi:

- L'intera registrazione viene eseguita sotto la supervisione di un tecnico esperto.

- Il modello di sonno viene registrato e può essere discusso con il paziente.

- È possibile rilevare qualsiasi altra anomalia associata a un disturbo del sonno.

svantaggio siamo:

- Processo elaborato.

- La registrazione viene eseguita in un ambiente sconosciuto.

  1. Monitoraggio dei canali limitato

Rispetto alla polisonnografia, viene monitorato un numero inferiore di segnali. Questo metodo può essere facilmente eseguito a casa senza l'aiuto di uno specialista del sonno. Valuta i segnali relativi alla respirazione e ai livelli di ossigeno nel sangue. Le persone con OSA e altri problemi medici correlati possono essere facilmente testate attraverso un monitoraggio del canale limitato.

Al vantaggi Il monitoraggio del canale limitato include:

- I segnali vengono registrati in un ambiente relativamente più silenzioso e più confortevole nella propria casa.

- È più economico della polisonnografia.

svantaggio siamo:

- Poiché la valutazione viene eseguita in assenza di un tecnico, sussiste il rischio di errori.

- Il sonno non è registrato.

  1. Altri test diagnostici

Oltre ai test a casa, alla polisonnografia o al monitoraggio limitato dei canali, ci sono pochi altri test che aiutano a diagnosticare l'apnea notturna. Le seguenti alternative possono servire come metodi aggiuntivi, ma potrebbero non diagnosticare completamente l'apnea notturna.

  1. Ossimetria: misura il contenuto di ossigeno nel sangue.
  2. Questionari e diari sul sonno: servono come guida per ottenere una vaga e prima idea sul comportamento del sonno e altre abitudini.
  3. Esami del sangue: anche se non esiste un esame del sangue per rilevare l'OSA, può aiutare a valutare se esiste una malattia associata che peggiora l'apnea notturna.
  4. ELETTROENCEFALOGRAMMA (elettroencefalogramma): per la registrazione dei segnali e l'attività delle onde nel cervello.
  5. EMG (elettromiogramma): aiuta a valutare diversi tipi di movimento e attività muscolare del viso e delle gambe e registra il sonno durante la fase REM.
  6. EOG (elettrooculogramma): per la registrazione dei movimenti oculari, specialmente durante la fase REM del sonno.
  7. ECG (elettrocardiogramma): per la registrazione della frequenza cardiaca e del ritmo.
  8. Sensore del flusso d'aria nasale: per la registrazione del flusso d'aria.
  9. Microfono per russare: per registrare l'attività del russare.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
cinguettio
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
smalto
Condividi su print
Stampa

Quali trattamenti ci sono per l'apnea notturna?

Se non trattata in tempo, l'apnea notturna può diventare un problema potenzialmente letale. Pertanto, dovrebbero essere prese tutte le misure per prevenire il progresso della malattia. Ecco le strategie di trattamento importanti che possono aiutare a trattare questa condizione.

  1. Perdita di peso

La difficoltà di respirazione, in particolare nell'OSA, è dovuta al collasso della faringe e / o del tessuto della laringe. Depositi di grasso nel processo, che riduce la pervietà della gola [26, 27]. La perdita di peso può ridurre la pressione e ridurre la gravità dell'OSA. (28).

  1. mandibolare

La pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) è il metodo numero uno per il trattamento dell'apnea notturna, tuttavia ci sono molte persone che non tollerano bene la CPAP. I dispositivi orali possono essere utilizzati in tali pazienti per ottenere i risultati desiderati. Esistono due tipi di apparecchi orali comunemente utilizzati:

 

- Stecche di protrusione che mantengono aperte le vie aeree spingendo in avanti la mascella del paziente.

- Dispositivi di ritenuta della lingua che assicurano una via aerea aperta trattenendo la lingua (29).

 

L'uso e l'efficacia dei dispositivi di trattenimento della lingua sono attualmente ancora oggetto di studio, dal momento che il loro uso è stato finora insoddisfacente. Pertanto, le stecche di protrusione vengono utilizzate più spesso perché riposizionano l'articolazione mandibolare in avanti e in basso durante il sonno. Ciò migliora la pervietà del tratto respiratorio superiore espandendolo. Riduce anche la probabilità di russare e OSA.

Un nuovo e avanzato dispositivo sul mercato è lo splint di protrusione (noson.ch) con tutte le funzioni che contribuiscono al trattamento dei problemi respiratori in connessione con l'OSA. È uno dei prodotti di altissima qualità che si differenzia dalle altre rotaie.

Una recente meta-analisi ha mostrato che la pressione sanguigna non è diminuita durante il trattamento con CPAP e quando è stata trattata con stecche di protrusione (30). L'American Academy of Sleep Medicine e l'American Academy of Dental Sleep Medicine hanno pubblicato linee guida (2015) che affermano che i dispositivi orali, se usati correttamente, hanno ottenuto risultati superiori nella gestione dei parametri del sonno (31,32).

Le caratteristiche principali della nostra stecca per protrusione (noson.ch) includono

- Si adatta agli incisivi perché è realizzato in materiale termoplastico e funge da protezione della gomma posizionando la mascella inferiore e la lingua in avanti e in basso.

- È efficace come qualsiasi stecca perché può essere facilmente adattato alle esigenze del paziente (33)

- È molto utile per i pazienti che hanno problemi a russare e non hanno bisogno di un intervento chirurgico.

- Raggiunge risultati efficaci in pazienti con apnea notturna lieve o moderata. Questo metodo si è dimostrato particolarmente utile per i pazienti che hanno difficoltà a respirare sulla schiena.

Dispositivo di avanzamento mandibolare - Contro l'apnea notturna e il russare
  1. Dilatatori nasali

 

L'uso di dilatatori nasali può essere di grande aiuto. Espandendo le narici, viene ottimizzata la fornitura di aria al naso. Il collasso delle narici viene prevenuto e la respirazione nasale migliora, garantendo un sonno indisturbato.

Il dilatatore nasale Noson è un prodotto molto versatile che viene distribuito da vari medici e farmacie ORL svizzeri. Allarga le narici ed esercita una pressione molto delicata dall'interno grazie alle sue proprietà elastiche. Le caratteristiche principali di questo dispositivo sono le seguenti:

 

- Allunga la narice di 14-25%, riducendo la resistenza al flusso d'aria e migliora anche la componente orale della ventilazione durante il sonno.

- Le persone con un'abitudine russante o OSA otterranno risultati efficaci con Noson.

- La resistenza nasale è ridotta tra 31-65%, quindi il flusso d'aria viene drasticamente migliorato.

- Nelle persone che soffrono di eventuali sintomi nasali, la condizione migliora considerevolmente dopo l'uso di questo dispositivo.

- I pazienti che russano rumorosamente all'inizio dell'uso di dilatatori nasali mostrano una diminuzione del volume nel tempo (34, 35).

Dilatatore nasale nasale - spargitore nasale
  1. Pressione delle vie aeree positiva 

CPAP è un metodo efficace ed è più comunemente usato per trattare l'OSA. Assicura lo splint della parte pneumatica del tratto respiratorio superiore. La pressione sul tratto respiratorio può essere esercitata in vari modi, inclusi dispositivi orali, oro-nasali e nasali (36). Proprio come la pressione dell'aria è controllata, provoca anche lo steccamento delle vie aeree:

- Miglioramento della qualità della vita, del modello di sonno e dei parametri associati

- Riduzione della pressione sanguigna e riduzione di episodi di aritmia e ictus

- Modifica dell'esito di eventi cardiovascolari fatali (37-40).

- Mantenimento della pressione di espulsione ventricolare sinistra ed evitando il rischio di ictus

CPAP
  1. Intervento chirurgico

 

Esistono diversi tipi di procedure chirurgiche che possono essere eseguite per modificare e trattare le ostruzioni delle vie aeree nei pazienti con OSA. Ma tutte queste procedure sono generalmente evitate nel trattamento dell'OSA perché sono invasive e costose (42). Nei pazienti obesi con OSA, la chirurgia bariatrica ha dimostrato di migliorare i parametri relativi al sonno in oltre 751 pazienti con PT1T (43, 44, 45). Esistono i seguenti diversi tipi di chirurgia:

 

- chirurgia nasale (ad esempio settoplastica),

- Interventi orali (ad es. Uvulopalatopharyngoplasty),

- Procedure ipofaringee (ad es. Riduzione e stabilizzazione della lingua)

- chirurgia della laringe (ad es. epiglottide)

- Procedure globali delle vie aeree (ad es. Sporgenza maxillomandibolare).

Chirurgia del naso
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
cinguettio
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
smalto
Condividi su print
Stampa

Sommario

Trattamento dell'apnea notturna a casa

L'apnea notturna può essere curata a casa cambiando il tuo stile di vita in diversi modi.

Il medico può raccomandare quanto segue:

- Per perdere peso

- Nessun consumo eccessivo di alcol ed evitare l'assunzione di sonniferi

- Modifica delle posizioni del sonno per migliorare la respirazione

- Smettere di fumare: il fumo provoca infiammazione e aumenta il gonfiore del tratto respiratorio superiore, che può aggravare sia il russare che l'apnea.

 

Se tutti gli sforzi non hanno avuto successo, la prima opzione dovrebbe essere quella di ottimizzare la respirazione nasale. Questo può essere fatto attraverso il dilatatore nasale Noson. Con circa 30-50% di persone, una respirazione nasale ottimizzata è sufficiente per ridurre gravemente il russare o per allontanarlo completamente.

 

Se il dilatatore nasale non ti aiuta neanche, un'anamnesi deve essere eseguita immediatamente, poiché hai a che fare con un problema serio. Questo può essere fatto tramite qualsiasi farmacia Medbase o medico ORL. In caso di dubbi, scrivici. Cerchiamo di trasmetterti a un esperto nel miglior modo possibile.

 

L'apnea notturna è un problema molto comune che dovrebbe essere trattato in modo appropriato. Anche se sono disponibili diversi metodi di trattamento, ogni opzione deve essere considerata individualmente in base alle esigenze personali e alla gravità. Indipendentemente dal fatto che si tratti di una procedura chirurgica o di un dispositivo meno invasivo come una stecca di protrusione, il metodo deve essere sempre suggerito solo dopo un'adeguata anamnesi. Un approccio multidisciplinare dovrebbe essere ottimizzato, in cui il paziente è supportato in tutti i modi per tornare al normale comportamento del sonno senza stress.

credenziali

1. Schwab RJ, Gefter WB, Hoffman EA, Gupta KB, Pack AI. Imaging dinamico delle vie aeree superiori durante la respirazione in soggetti normali e in pazienti con disturbi del sonno. Am Rev Resp Dis 1993; 148: 1385-400

2. Horner RL, Shea SA, McIvor J, Guz A. Dimensioni e forma faringee durante la veglia e il sonno nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno. Quart J Med 1989; 72: 719-35

3. Fleetham SÌ. Imaging delle vie aeree superiori in relazione all'apnea ostruttiva del sonno. Clin Chest Med 1992; 13: 399-416

4. https://www.webmd.com/sleep-disorders/sleep-apnea/sleep-apnea

5. Qaseem A, et al. Gestione dell'apnea ostruttiva del sonno negli adulti: una linea guida di pratica clinica dell'American College of Physicians. Ann Intern Med. 2013;159(7):471-483.

6. Balk EM, Moorthy D, Obadan NO, et al. Diagnosi e trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno negli adulti. Revisione comparativa dell'efficacia n. 32. Pubblicazione AHRQ n. 11-EHC052-EF. Rockville, Md.: Agenzia per la ricerca e la qualità dell'assistenza sanitaria; Luglio 2011.

7. Greenstone M, Hack M. Apnea ostruttiva del sonno. BMJ. 2014; 348: g3745.

8. Qaseem A, et al. Diagnosi di apnea ostruttiva del sonno negli adulti: una linea guida di pratica clinica dell'American College of Physicians. Ann Intern Med. 2014;161(3):210-220.

9. Bratton DJ, Stradling JR, Barbé F, Kohler M. Effetto della CPAP sulla pressione sanguigna nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno minimamente sintomatica: una meta-analisi che utilizza i dati dei singoli pazienti provenienti da quattro studi randomizzati controllati. torace. 2014;69(12):1128-1135.

10. Balachandran JS, Patel SR. In clinica: apnea ostruttiva del sonno. Ann Intern Med. 2014; 161 (9): ITC1-ITC15.

11. Myers KA, Mrkobrada M, Simel DL. Questo paziente ha apnea ostruttiva del sonno? La revisione sistematica dell'esame clinico razionale. JAMA. 2013;310(7):731-741.

12. Mohsenin V. Apnea ostruttiva del sonno e ipertensione: una revisione critica. Curr Hypertens Rep. 2014;16(10):482.

13. Krishnan V, Dixon-Williams S, Thornton JD. Dove c'è fumo ... c'è l'apnea notturna: esplorare il rapporto tra fumo e apnea notturna. Il petto. 2014;146(6):1673-1680.

14. Bixler EO, et al. Prevalenza della respirazione con disturbi del sonno nelle donne: effetti del genere. Am J Respir Crit Care Med. 2001; 163 (3 pt 1): 608-613.

15. Zancanella E, et al. Apnea ostruttiva del sonno e russamento primario: diagnosi [la correzione pubblicata appare in Braz J Otorhinolaryngol. 2014;80(5):457]. Braz J Otorhinolaryngol. 2014; 80 (1 suppl 1): S1-S16.

15. Becker, K; Wallace JM (22-01-2010). "Apnea centrale del sonno". emedicine. Medscape. Estratto 2010-07-31.

16. AASM (2001). La classificazione internazionale dei disturbi del sonno, rivista (PDF). Westchester, Illinois: American Academy of Sleep Medicine. pp. 58-61. Archiviato da l'originale (PDF) il 26/07/2011. Estratto l'11 / 09/2010.

17. Becker K, Wallace JM (22-01-2010). "Apnea centrale del sonno: follow-up". emedicine. Medscape. Estratto il 17/09/2010.

18. Watson (2009-11-09). "Respirazione del sonno e sonnolenza in pazienti con malformazione di tipo I Chiari". Estratto il 17/04/2014.

19. O. Marrone, A. Stallone, A. Salvaggio, F. Milone, V. Bellia e G. Bonsignore, "Insorgenza di disturbi respiratori durante la somministrazione di CPAP nella sindrome dell'apnea ostruttiva del sonno", Rivista europea delle vie respiratorie, vol. 4, n. 6, pagg. 660-666, 1991

20. GS Gilmartin, RW Daly e RJ Thomas, "Riconoscimento e gestione della respirazione complessa con disturbi del sonno" Opinione attuale in medicina polmonare, vol. 11, n. 6, pagg. 485-493, 2005.

21. T. Dernaika, M. Tawk, S. Nazir, W. Younis e GT Kinasewitz, "Il significato e il risultato dell'apnea del sonno centrale continua positiva correlata alla pressione delle vie aeree durante gli studi del sonno notturno," Il petto, vol. 132, n. 1, pagg. 81-87, 2007.

22. S. Lehman, NA Antic, C. Thompson, PG Catcheside, J. Mercer e RD McEvoy, "Apnea centrale del sonno all'inizio della pressione delle vie aeree positiva continua in pazienti con una diagnosi primaria di apnea-ipopnea ostruttiva del sonno", Journal of Clinical Sleep Medicine, vol. 3, n. 5, pagg. 462-466, 2007.

23. Lee W, et al. Epidemiologia dell'apnea ostruttiva del sonno: una prospettiva basata sulla popolazione. Expert Rev Respir Med. 2008;2(3):349-364.

24. Shahar E, Whitney CW, Redline S, et al. Respirazione con disturbi del sonno e malattie cardiovascolari: risultati trasversali dello studio sulla salute del cuore nel sonno. Am J Respir Crit Care Med. 2001;163(1):19-25.

25. Wheaton AG, Perry GS, Chapman DP, Croft JB. Respirazione con disturbi del sonno e depressione tra gli adulti statunitensi: National Health and Nutrition Examination Survey, 2005-2008. Dormire. 2012;35(4):461-467.

26. Chung F, Yegneswaran B, Liao P, et al. Questionario STOP: uno strumento per lo screening dei pazienti per l'apnea ostruttiva del sonno. Anestesiologia. 2008;108(5):821.

27 Shelton KE, Woodson H, Gay S, et al. Grasso faringeo nell'apnea ostruttiva del sonno. A Rev Respir Dis 1993; 148: 462-466.

28 olive A, Aspandiarov E, Gankin I, et al. Piegabilità della faringe rilassata e rischio di apnea notturna. Eur Respir J 2008; 32: 1309-1315.

29. Schwartz AR, Gold AR, Schubert N, et al. Effetto della perdita di peso pieghevolezza delle vie aeree superiori nell'apnea ostruttiva del sonno. A Rev Respir Dis 1991; 144: 494-498.

30. Chan AS, Lee RW, Cistulli PA. Modalità di pressione delle vie aeree non positive: dispositivi di avanzamento mandibolare / terapia posizionale. Proc Am Thorac Soc. 2008;5(2):179-184.

31. Ramar K, Dort LC, Katz SG, et al. Linee guida per la pratica clinica per il trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno e del russare con terapia orale dell'apparecchio: un aggiornamento per il 2015. J Clin Sleep Med. 2015;11(7):773-827.

32. Bratton DJ, Gaisl T, Wons AM, Kohler M. CPAP vs dispositivi di avanzamento mandibolare e pressione sanguigna nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno: una revisione sistematica e una meta-analisi. JAMA. 2015;314(21):2280-2293.

33. Shadaba A, Owa A, Battagel J, Croft C, Kotecha B. Valutazione della stecca di avanzamento mandibolare Herbst nella gestione dei pazienti con disturbi respiratori legati al sonno. Otolaryngol clinico 2000; 25: 404-12

34. McLean HA, Urton AM, Driver HS, et al. Effetto del trattamento di gravi ostruzioni nasali sulla gravità dell'apnea ostruttiva del sonno. Euro

Respir J 2005; 25: 521-527.

35. Todorova A, Schellenberg R, Hofmann HC, et al. Effetto del dilatatore nasale esterno Respirare a destra sul russare. Eur J Med Res 1998; 3: 367-379.

36. Gay P, Weaver T, Loube D, Iber C; Task force positiva per la pressione delle vie aeree; Comitato per gli standard di pratica; American Academy of Sleep Medicine. Valutazione del trattamento positivo della pressione delle vie aeree per.

37. Marin JM, Carrizo SJ, Vicente E, Agusti AG. Esiti cardiovascolari a lungo termine negli uomini con apnea-ipopnea ostruttiva del sonno con o senza trattamento con pressione positiva continua delle vie aeree: uno studio osservazionale. Lancetta. 2005;365(9464):1046-1053.

38. Phillips CL, Grunstein RR, Darendeliler MA, et al. Risultati sulla salute della pressione positiva continua delle vie aeree rispetto al trattamento con apparecchi orali per l'apnea ostruttiva del sonno: uno studio randomizzato controllato. Am J Respir Crit Care Med. 2013;187(8):879-887.

39. Iftikhar IH, Valentine CW, Bittencourt LR, et al. Effetti della pressione positiva continua delle vie aeree sulla pressione sanguigna in pazienti con ipertensione resistente e apnea ostruttiva del sonno: una meta-analisi. J Hypertens. 2014;32(12):2341-2350.

40. Kaneko Y, Floras JS, Usui K, et al. Effetti cardiovascolari della pressione positiva continua delle vie aeree in pazienti con insufficienza cardiaca e apnea ostruttiva del sonno. N Engl J Med. 2003;348(13):1233-1241.

41. Littner M, Hirshkowitz M, Davila D, et al. Pratica i parametri per l'uso di dispositivi di auto-titolazione della pressione positiva continua delle vie aeree per la titolazione delle pressioni e il trattamento di pazienti adulti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno. Un rapporto dell'American Academy of Sleep Medicine. Dormire. 2002;25(2):143-147.

42 Sundaram S, Bridgman SA, Lim J, Lasserson TJ. Chirurgia per apnea ostruttiva del sonno. Database Cochrane Syst Rev.. 2005; (4): CD001004.

43.Sarkhosh K, Switzer NJ, El-Hadi M, Birch DW, Shi X, Karmali S. L'impatto della chirurgia bariatrica sull'apnea ostruttiva del sonno: una revisione sistematica. Obes Surg. 2013;23(3):414-423.

44. Buchwald H, Avidor Y, Braunwald E, et al. Chirurgia bariatrica: una revisione sistematica e una meta-analisi [la correzione pubblicata appare in JAMA. 2005;293(14):1728]. JAMA. 2004;292(14):1724-1737.

45. Vinto CH, Li KK, Guilleminault C. Trattamento chirurgico dell'apnea ostruttiva del sonno: vie aeree superiori e chirurgia maxillomandibolare. Proc Am Thorac Soc 2008; 5: 193-199.

it_ITIT